Elezioni, De Mita fa campagna acquisti a Salerno mentre l’Udc affonda

ciriaco-de-mita

Tutti insieme appassionatamente. Potrebbe essere questo il titolo del nuovo contenitore politico che il 90enne Ciriaco De Mita sta componendo in queste settimane, in modo da essere realtà già prima della pausa agostana e scaldare i motori in vista delle elezioni politiche che dovrebbero tenersi entro febbraio 2018. L’ex presidente del consiglio ha le idee ben chiare: recuperare la tradizione della Democrazia Cristiana in un unico soggetto che accoglierebbe in sè tutte le diverse sensibilità centriste nate all’indomani di tangentopoli.

De Mita fa campagna acquisti anche a Salerno: contatti con due consiglieri comunali ed un assessore della giunta Napoli. Una discesa in campo come ai vecchi tempi, facendo proseliti tra i suoi amici di sempre e cercando di captare l’attenzione di quei moderati che oggi non hanno più una casa definita. E così Ciriaco De Mita è giunto anche a Salerno, grazie ai suoi collaboratori, alla ricerca di giovani di belle promesse a caccia di visibilità. Non sono mancati gli abboccamenti con qualche consigliere di maggioranza (due per la precisione) e anche con un assessore in carica della giunta guidata da Enzo Napoli. Hanno squillato anche i telefoni di un ex sindaco e di due ex assessori comunali, sintomo evidente che la Dc 2.0 interessa davvero tanto.

L’Udc di Cobellis affonda come il Titanic. Dopo aver incassato gli addii del commissario cittadino di Salerno Nico Miranda e del consigliere comunale Leonardo Gallo – entrambi transitati in Centro Democratico di Bruno Tabacci – il segretario provinciale dell’Udc Luigi Cobellis ha dovuto assistere impotente anche allo tsunami politico che ha travolto il sindaco di Novi Velia, il consigliere regionale Maria Ricchiuti, finita in minoranza in consiglio comunale sul voto al bilancio di previsione 2017, cosa che ha fatto scattare il commissariamento dell’ente e di conseguenza l’avvio delle procedure per l’indizione di elezioni anticipate.

Umberto Adinolfi
Umberto Adinolfi
Classe 1972, giornalista professionista. Redattore interno e collaboratore per diversi quotidiani a diffusione regionale e nazionale (Corriere del Mezzogiorno, NewPress), nonché per l’agenzia stampa Asca Campania, dal 2012 lavora come freelance per l’edizione salernitana del quotidiano “Il Mattino”, impegnato nella redazione Politica. Dal 2012 è direttore responsabile del periodico “Paperboy”, unica testata giornalistica in Italia interamente realizzata da praticanti giornalisti affetti da disabilità psichiche e motorie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *