Campania, De Luca vara la task force per il caso “debiti fuori bilancio”

Foto Ansa

Non è tardata ad arrivare la precisazione del governatore della Regione Campania Vincenzo De Luca  sul caso dei debiti fuori bilancio pagati senza copertura finanziaria. Da quando è alla guida di Palazzo Santa Lucia, l’ex sindaco di Salerno non ha mai fatto mistero della “spartanità” dei comportamenti dell’Ente sotto la sua direzione, ma che occorreva comunque dare risposte a quelle che erano le situazioni debitorie pregresse ed ereditate dalla gestione Caldoro.

I provvedimenti in questione – oggetto della dura presa di posizione del governatore della Campania – sono stati portati in consiglio regionale, dopo essere passati per la firma nei rispettivi uffici di competenza, ma senza la relativa sostenibilità dal punto di vista finanziario. Ecco perchè De Luca ha immediatamente costituito una task force di dirigenti e tecnici che avrà il compito di chiarire l’iter effettuato dai provvedimenti incriminati, individuando le relative responsabilità amministrative.

In un momento delicato della vita dell’Ente, De Luca cerca così di blindare il suo operato contro ogni possibile speculazione mediatica ad opera delle opposizioni, esortando i dirigenti della Regione Campania alla responsabilità ed alla chiarezza. La task force nominata da De Luca dovrà inoltre redigere l’elenco completo dei debiti già maturati e non ancora pagati dalla Regione, imputabili ai precedenti esercizi finanziari sotto la gestione di Stefano Caldoro.

Umberto Adinolfi
Umberto Adinolfi
Classe 1972, giornalista professionista. Redattore interno e collaboratore per diversi quotidiani a diffusione regionale e nazionale (Corriere del Mezzogiorno, NewPress), nonché per l’agenzia stampa Asca Campania, dal 2012 lavora come freelance per l’edizione salernitana del quotidiano “Il Mattino”, impegnato nella redazione Politica. Dal 2012 è direttore responsabile del periodico “Paperboy”, unica testata giornalistica in Italia interamente realizzata da praticanti giornalisti affetti da disabilità psichiche e motorie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *