La Via Silente: 600 km in bici per scoprire il Cilento

Le gole del fiume Calore

Le gole del fiume Calore

Seicento chilometri da percorrere in sella alla bicicletta, con la possibilità di suddividere il viaggio in quindici tappe, per scoprire le bellezze naturalistiche e storico-artistiche del Cilento. Nasce, infatti, come progetto di promozione e rilancio economico del territorio, con attività sostenibili sotto il profilo ambientale, la Via Silente, l’itinerario cicloturistico nato per iniziativa di un gruppo di giovani cilentani ed oggi parte dell’offerta turistica della Regione Campania.

L’itinerario – Il progetto della Via Silente muove i suoi primi passi, quasi per gioco, nel 2014, quando due ragazze di Castelnuovo decidono di attraversare il Cilento in sella alla propria bicicletta. Ne viene fuori, con il passare del tempo, un itinerario che si snoda all’interno del Parco Nazionale, attraversando sia le aree costiere più conosciute, sia quelle interne, meno note ai turisti, ma non meno affascinanti con la loro bellezza quasi selvaggia. L’iter prende pian piano forma: oggi dalla tappa iniziale di Castelnuovo si toccano i luoghi più significativi del Cilento, dalla cima del Cervati –a quota 1.898- alle grotte di Pertosa, attraversando il fiume Calore ed i piccoli borghi che punteggiano il territorio interno del Cilento. Ed è certamente la scoperta di questa parte meno conosciuta del territorio l’aspetto più affascinante dell’itinerario cicloturistico proposto con la Via Silente.

La rete – Intorno all’itinerario della Via Silente si è progressivamente sviluppata una rete di contatti sul territorio che ha consentito, infine, di mettere a punto un’offerta turistica completa. Agriturismi, B&B, punti di accoglienza: passa dalla collaborazione con queste strutture, dislocate lungo il percorso cicloturistico, la possibilità di fare della Via Silente un elemento di crescita del territorio, nel rigoroso rispetto della sua identità. Presso l’ostello “Casa Silente km 0”, punto di partenza dell’itinerario a Castelnuovo Cilento, è possibile ritirare, insieme al kit escursionistico, la card che consente di ottenere lo sconto del 20% presso le strutture convenzionate. Determinante la collaborazione con la Regione Campania: grazie al contributo dell’assessorato al Turismo è stato possibile collocare lungo il percorso la segnaletica necessaria a renderlo pienamente fruibile. Sempre grazie alla Regione l’itinerario cicloturistico della Via Silente fa parte, oggi, dell’offerta turistica campana promossa in occasione di fiere e manifestazioni di settore. A settembre, con il contributo dell’assessorato al Turismo, sarà poi realizzata la prima guida dedicata alla Via Silente.

Clemente Ultimo
Clemente Ultimo
Clemente Ultimo – vicedirettore Più Mezzogiorno – Giornalista professionista, classe ’76, si è occupato per diversi quotidiani (Corriere del Mezzogiorno ed Il Mattino tra gli altri) di politica, economia, sanità. Ha curato la comunicazione istituzionale per il Consorzio Aree di Sviluppo Industriale di Salerno. Scrive articoli di geopolitica e politica internazionale per una rivista tematica online.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *