Melfi, nuovi turni di cassa integrazione per i lavoratori Fca

Fine produzione Punto Melfi

Fonte: Clubalfa.it

Nuovi turni di cassa integrazione per i lavoratori dello stabilimento Fca di Melfi. La ripresa dell’attività dopo la pausa estiva sarà caratterizzata da ben cinque turni di cassa integrazione distribuiti nel corso del mese di settembre. Lo stop interesserà tutte le linee di produzione dello stabilimento lucano, attualmente impegnato nella realizzazione della Jeep Renegade e della 500X, essendo ormai conclusa la fase produttiva della Punto.

La preoccupazione del sindacato – I nuovi turni di cassa integrazione rappresentano un segnale preoccupante per il futuro dello stabilimento Fca di Melfi. Questa, almeno, la valutazione che arriva dalla Fiom. “Questa riduzione sensibile del lavoro –si legge in una nota dell’organizzazione sindacale- varrà per i flussi produttivi dedicati alla realizzazione di tutti i modelli di auto prodotti presso lo stabilimento Fca di Melfi. Il problema di produzione della Fiat di Melfi è ormai strutturale: se alla ripresa l’azienda non interverrà con politiche produttive non affidate al caso, temiamo reali problemi per la tenuta occupazionale”. A rendere ancora più preoccupante la situazione ci sono, sottolinea ancora la Fiom, le pesanti ricadute sul sistema dell’indotto provocate dai nuovi turni di cassa integrazione della Fca di Melfi. Per la Fiom “nuovi modelli in grado di reggere la concorrenza sul mercato e ritmi di lavoro realmente sostenibili” sono la risposta che l’azienda è chiamata a dare per assicurare la tenuta dello stabilimento lucano e garantire i livelli occupazionali.

Clemente Ultimo
Clemente Ultimo
Clemente Ultimo – vicedirettore Più Mezzogiorno – Giornalista professionista, classe ’76, si è occupato per diversi quotidiani (Corriere del Mezzogiorno ed Il Mattino tra gli altri) di politica, economia, sanità. Ha curato la comunicazione istituzionale per il Consorzio Aree di Sviluppo Industriale di Salerno. Scrive articoli di geopolitica e politica internazionale per una rivista tematica online.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *