Più container e meno crocieristi nei porti della Campania

Il porto di Salerno

In quadro di generale ripresa economica cresce il traffico merci negli scali marittimi della Campania, mentre mostra ancora segnali di sofferenza il settore crocieristico. Questa, in sintesi, la “fotografia” dello stato dei porti di Napoli e Salerno scattata dall’Autorità di Sistema del mar Tirreno centrale , sulla base dei dati registrati nel primo semestre del 2017. Dati che, nel complesso, testimoniano di una buona vivacità dell’economia campana, sostenuta in questa fase da condizioni internazionali che favoriscono l’export.

Il traffico commerciale – I primi sei mesi dell’anno hanno fatto registrare una nuova, significativa crescita nel traffico container, con un + 10,5% rispetto al dato del 2016. Una crescita ripartita equamente tra i due scali marittimi campani: a Napoli, infatti, si registra un aumento del 10,7%, mentre a Salerno del 10,3%. Il secondo trimestre del 2017, in particolare, conferma la tendenza alla crescita facendo registrare un aumento complessivo del 13,2% rispetto ai primi tre mesi dell’anno. Il traffico delle rinfuse liquide, che si concentra nel solo porto di Napoli, aumenta complessivamente nel primo semestre del 2,07%, con un andamento differenziato tra i diversi prodotti: +13,4% per i prodotti petroliferi gassosi, -0,18% per i prodotti petroliferi raffinati, -6,02% per le altre rinfuse liquide. Il segmento delle autostrade del mare vede la Campania, ed in particolare il porto di Salerno, svolgere un ruolo da protagonista. La crescita del numero di unità Ro-Ro nel porto di Salerno segna, nei primi sei mesi dell’anno in corso, un aumento pari al 32,3% rispetto all’analogo periodo dell’anno precedente.

Crociere e traffico passeggeri – Continua, anche nel 2017, il calo del settore crocieristico. Una contrazione del settore che raggiunge, complessivamente, una flessione del 28,4% rispetto al 2016. Questa volta è il porto di Napoli a far registrare il calo più sensibile, con un – 28,9%, mentre a Salerno la contrazione del traffico crocieristico è pari al 21,7%. Dati di segno positivo, invece, quelli che si registrano per il traffico passeggeri. Complessivamente nei primi sei mesi dell’anno il settore è cresciuto del 10%. Particolarmente rilevante il risultato che si registra a Salerno, con una crescita dei passeggeri del 35%, prevalentemente nel traffico locale.

Clemente Ultimo
Clemente Ultimo
Clemente Ultimo – vicedirettore Più Mezzogiorno – Giornalista professionista, classe ’76, si è occupato per diversi quotidiani (Corriere del Mezzogiorno ed Il Mattino tra gli altri) di politica, economia, sanità. Ha curato la comunicazione istituzionale per il Consorzio Aree di Sviluppo Industriale di Salerno. Scrive articoli di geopolitica e politica internazionale per una rivista tematica online.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *