Catalogna proclamata indipendente. Ma Puigdemont vuole dialogo con Madrid

La Catalogna “sospende la dichiarazione di indipendenza per avviare il dialogo, perché in questo momento serve a ridurre la tensione”. Così il presidente catalano Carles Puigdemont nell’atteso intervento al Parlamento di Barcellona, in cui ha proclamato e poi sospeso l’indipendenza catalana. In serata Puidgemont ha poi firmato la dichiarazione di indipendenza. “Sono qui dopo il risultato del referendum del primo ottobre per spiegare le conseguenze politiche che ne derivano. La Catalogna è un affare europeo. E’ un momento critico e serio e dobbiamo prenderci le nostre responsabilità per eliminare la tensione e non incrementarla”, ha aggiunto. “Il governo della Catalogna sta facendo un gesto di responsabilità e generosità – ha spiegato il presidente catalano -: se nei prossimi giorni tutto il mondo agirà con la stessa responsabilità, tutto si potrà svolgere con calma e nel rispetto dei cittadini”. Ma con Madrid è sempre scontro: il governo di Rajoy considera le parole di Puidgemont “una dichiarazione di indipendenza” e prepara una risposta, secondo quanto scrive El Pais. “E’ inammissibile fare una dichiarazione implicita di indipendenza e poi sospenderla in modo esplicito. Il governo non cederà a ricatti”: lo affermano fonti del governo di Madrid citate dall’agenzia Efe, che hanno ribadito che il referendum è stato “fraudolento e illegale”. Una riunione di emergenza del governo spagnolo è stata convocata per domani. “Abbiamo visto una situazione estrema, è la prima volta nella storia della democrazia europea che una giornata elettorale” si snoda “tra le violenze della polizia”, ha detto Puigdemont aggiungendo: “Non siamo delinquenti, non siamo pazzi, non siamo golpisti, siamo gente normale che chiede di poter votare”. “La Catalogna è stata umiliata quando ha tentato di modificare il suo statuto “rispettando la Costituzione”, ha affermato Puigdemont, ricordando il testo di modifica dello statuto “tagliato” e “modificato” per due volte, tanto da diventare “irriconoscibile”. Il risultato è stata “un’umiliazione”. Quanto accaduto oggi “è la cronaca di un golpe annunciato”, “voi siete i peggiori nazionalisti d’Europa” e “non avete alcun sostegno: signor Puigdemont, lei è solo”, ha detto la leader dell’opposizione nel Parlamento catalano, Inés Arrimadas, nella sua replica. Il premier Mariano Rajoy aveva annunciato una reazione forte dello Stato se Puigdemont avesse dichiarato l’indipendenza. “Impediremo che la Catalogna si separi” aveva chiarito con forza. Madrid poteva fra l’altro applicare l’art. 155 della Costituzione che consente di sospendere l’autonomia catalana e il suo presidente, sciogliere il parlamento di Barcellona e convocare elezioni anticipate. Il vicesegretario del Pp di Rajoy, Pablo Casado, aveva anche avvertito Puigdemont che avrebbe rischiato la prigione per “ribellione” come il suo predecessore Lluis Companys che nel 1934 proclamò una effimera “repubblica catalana”. Durò 11 ore. Poi intervenne l’esercito spagnolo, venne arrestato, processato e condannato a 30 anni. I franchisti lo fucilarono nel 1940. (fonte: Asna.it)

1 Comment

  1. lucio ha detto:

    La voglia di secessione catalana è esplosa con la crisi economica e il rifiuto del governo di Madrid di concedere una ancor maggiore autonomia finanziaria.In genere,si inizia con l’economia:la Jugoslavia iniziò a spappolarsi quando le repubbliche più ricche non volevano pagare per quelle più povere.Poi si tirano in ballo ragioni storiche e culturali,che di solito vengono manipolate su entrambi i fronti.Infine si arriva,a volte, anche alla guerra:vedi Jugoslavia.Le varie vicende di separatismo non sono paragonabili tra loro ma di solito queste piccole patrie procedono in maniera assai stentata:le ex repubbliche jugoslave,tranne Croazia e Slovenia vivono,ad es.,situazioni economiche e sociali precarie,fonte come il Kosovo di destabilizzazione jihadista.E questo processo potrebbe coinvolgere,sia pure in maniere differenti,anche Corsica,Fiandre e, speriamo di no, pure il nostro Paese.Auguriamoci che non si avvii la balcanizzazione dell’Europa e non si ridestino nazionalismi sopiti,che già tanti disastri hanno causato alle popolazioni europee nello scorso secolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *