Il Museo archeologico di Napoli taglia il traguardo dei 500mila visitatori

Il Mann di Napoli

Il Museo archeologico nazionale di Napoli taglia il traguardo dei 500mila visitatori annui, con un incremento delle presenze del 30% rispetto al recente passato. Una maggiore attrattività che si inserisce in una generale crescita dei siti culturali campani, ad iniziare dal Parco Archeologico di Paestum, registrata nel corso dell’ultimo anno. E’ il direttore del Mann Paolo Giulierini a tracciare questo positivo bilancio, sottolineando in particolare come questi risultati siano frutto di “un piano strategico triennale che ha messo al centro dell’azione amministrativa e gestionale la comunicazione e l’utilizzo delle nuove tecnologie”. E proprio un convegno dedicato a ricerca e tecnologia per il patrimonio culturale, tenutosi all’Università Suor Orsola Benincasa, è stato occasione per illustrare il lavoro svolto dal Mann sul fronte comunicazione e nuove tecnologie, ad iniziare  dal miglioramento del sito web, alla creazione degli account social e del logo per poi procedere alla diffusione dei contenuti del museo attraverso altri canali, primo fra tutti l’animazione e i fumetti. “Si tratta – ha spiegato Giulierini – di pensare a nuove modalità di considerare e veicolare i contenuti culturali e turistici ed è un percorso che proseguiremo attraverso app, realtà aumentata e stampe e modelli 3d per l’esplorazione tattile. L’obiettivo è quello di coinvolgere il pubblico attraverso strumenti di mediazione tecnologica senza mai dimenticare che le risorse umane hanno un ruolo prevalente rispetto alla tecnologia”.

Clemente Ultimo
Clemente Ultimo
Clemente Ultimo – vicedirettore Più Mezzogiorno – Giornalista professionista, classe ’76, si è occupato per diversi quotidiani (Corriere del Mezzogiorno ed Il Mattino tra gli altri) di politica, economia, sanità. Ha curato la comunicazione istituzionale per il Consorzio Aree di Sviluppo Industriale di Salerno. Scrive articoli di geopolitica e politica internazionale per una rivista tematica online.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *