Violenza sulle donne: il docufilm “Malamore” al Festival del Cinema di Salerno

I protagonisti di Malamore

In occasione della giornata contro la violenza sulle donne il Festival Internazionale del Cinema di Salerno, manifestazione giunta alla 71^ edizione, dedica una serata a questo delicato tema. E lo fa proiettando – venerdì 24 novembre alle ore 22 presso il Teatro Augusteo – il docufilm Malamore, cortometraggio scritto da Onofrio Brancaccio, Felicio Izzo e Francesco Caolo, per la regia dello stesso Brancaccio. Partner alla produzione e distribuzione l’attirice salernitana Margi Villa.

Il docufilm – Il docufilm è incentrato sul fenomeno dello stalking e sulle devastanti conseguenze per chi ne è vittima, nella grande maggioranza dei casi donne. L’obiettivo degli autori è quello di indagare e ricostruire il profilo dello stalker, grazie anche al contributo di professionisti del settore come il noto psichiatra e sociologo Paolo Crepet o la psicologa e criminologa Roberta Bruzzone, così da capire cosa si nasconde dietro questo tipo di comportamento. Familiari, amici e a volte le stesse vittime spesso sottovalutano comportamenti che di normale non hanno nulla. Comportamenti che possono essere definiti con un solo termine: criminali. Tutti, però, hanno un comune denominatore: l’amore. Quasi sempre lo stalking nasce da una storia d’amore. Un amore che, però, mostra in questo caso i suoi aspetti peggiori, fino a diventare “malamore”.

Il cast – Protagonista del docufilm è Fabio De Caro, star della serie Sky Gomorra. Accanto a lui, nel difficile ruolo della vittima, l’attrice Laura Amalfi. Ma le vere protagoniste sono le donne, con le loro storie vere fatte di violenza fisica e psicologica, sopraffazione quando non addirittura sudditanza psicologica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *