Elezioni, in corsa Andria e Iannuzzi, De Luca jr chiede il listino blindato

Partita ancora molto aperta all’interno del partito democratico in vista della scelta dei candidati per le prossime elezioni politiche in programma nella primavera del 2018. Al netto di quanto deciderà la Corte Costituzionale sulla legittimità del Rosatellum bis – la sentenza è attesa per il 12 dicembre prossimo – la macchina da guerra dem sta affilando le armi in vista dello scontro elettorale. E tanti sono i nomi e i rumors che in queste ore stanno catalizzando i discorsi tra esponenti del Pd delle varie aree.

I big tornano in auge, Alfonso Andria e Tino Iannuzzi volano verso una candidatura certa. Matteo Renzi non è più il Matteo Renzi del 40% alle europee 2014, cosa conclamata da tre anni di una inarrestabile caduta libera, che lo ha portato prima alle dimissioni da premier e poi alle diverse sconfitte pubbliche, come quella del referendum sulle modifiche alla Costituzione e le più recenti elezioni siciliane, dove il Pd è praticamente scomparso. Restando in tema locale, in provincia di Salerno tornano in auge due big. Il primo, Alfonso Andria, è rimasto fermo ai box per alcuni anni, ma ora sembra più che pronto per una nuova avventura al Senato. Il secondo, Tino Iannuzzi, è parlamentare uscente e punta decisamente ad una riconferma nella griglia dei candidati per la Camera dei Deputati.

Piero De Luca invoca il posto da capolista nel listino blindato Pd. Cose un po’ più complicate per il primogenito del governatore della Campania. Piero De Luca infatti starebbe pressando al fine di ottenere dal bureau renziano un posto certo da capolista nel listino proporzionale, per non correre alcun rischio possibile. Ma su questa richiesta, al momento, Renzi avrebbe risposto picche.

Umberto Adinolfi
Umberto Adinolfi
Classe 1972, giornalista professionista. Redattore interno e collaboratore per diversi quotidiani a diffusione regionale e nazionale (Corriere del Mezzogiorno, NewPress), nonché per l’agenzia stampa Asca Campania, dal 2012 lavora come freelance per l’edizione salernitana del quotidiano “Il Mattino”, impegnato nella redazione Politica. Dal 2012 è direttore responsabile del periodico “Paperboy”, unica testata giornalistica in Italia interamente realizzata da praticanti giornalisti affetti da disabilità psichiche e motorie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *