Benevento, nasce la casa ad “energia zero”

Una casa di settantuno metri quadrati con impianti in grado di assicurare tutti i normali servizi, ma con un consumo energetico prossimo allo zero: per ora quello costruito a Benevento, in un’area di proprietà dell’Università del Sannio, dal distretto tecnologico Stress è solo un prototipo, ma le ricadute nel settore dell’edilizia che deriveranno dalla sperimentazione di queste nuove tecnologie sono una prospettiva decisamente concreta. L’obiettivo dell’iniziativa, infatti, è proprio quello di testare una serie di metodologie progettuali, costruttive e impiantistiche finalizzate alla realizzazione di strutture sempre più efficienti sotto il profilo energetico, dunque con un ridotto impatto ambientale. “Questa inaugurazione mi rende particolarmente orgoglioso – ha detto Ennio Rubino, presidente del distretto Stress -, è possibile lasciare al territorio oggetti concreti come risultati dei progetti di ricerca industriale finanziati con i fondi strutturali europei. Le costruzioni con il loro indotto sono un pezzo importante dell’economia nazionale e regionale sui quali dobbiamo continuare a investire con competenze e lungimiranza e la Campania nel campo dell’innovazione del settore è indiscutibilmente un’eccellenza in ambito nazionale e internazionale”.

Le caratteristiche della casa a “energia zero” – L’edificio sperimentale realizzato nel Beneventano è caratterizzato dalla presenza di tecnologia a pannelli X-Lam con isolamento in fibra di legno, un impianto di climatizzazione costituito da un’unità in pompa di calore che copre le esigenze di riscaldamento, raffreddamento, produzione di acqua calda sanitaria, ventilazione meccanica con recupero termodinamico e filtrazione elettronica. E poi un campo geotermico con sonde orizzontali poste a circa due metri di profondità per pretrattare l’aria di immissione o operare in free-cooling e avanzate tecnologie domotiche per il monitoraggio delle prestazioni energetiche e ambientali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *