Martina “boccia” la gestione Renzi: “Guiderò il Pd con collegialità”

“Guiderò il partito con la massima collegialità e con il pieno coinvolgimento di tutti, maggioranza e minoranza”, ha sottolineato. Poi la chiusura verso M5s e Lega: “Governino. Noi minoranza”. Ecco le prime parole di Maurizio Martina, vice segretario reggente e traghettatore politico del Pd verso la nuova fase post voto. “Non cerchiamo scorciatoie o capri espiatori a una sconfitta netta e inequivocabile che ci riguarda tutti, ciascuno per la propria responsabilità, e da cui tutti dobbiamo imparare molto”. Lo ha detto il vicesegretario Maurizio Martina alla direzione del Pd. “Si è realizzata una cesura storica tra le culture fondative della Repubblica e il Paese”, ha spiegato Martina proponendo la riconvocazione della direzione “per andare in profondità nell’analisi. La segreteria si presenta dimissionaria a questo appuntamento. Ma io credo sia importante che continui a lavorare insieme a me in queste settimane che ci separano dall’Assemblea. Con il vostro contributo cercherò di guidare il partito nei delicati passaggi interni e istituzionali a cui sarà chiamato”, ha spiegato il vicesegretario Dem. “Lo farò – ha aggiunto – con il massimo della collegialità e con il pieno coinvolgimento di tutti, maggioranza e minoranze, individuando subito insieme un luogo di coordinamento condiviso. Chiedo unità. Consapevoli che fuori di qui c’è un’intera comunità che ci guarda, ci ascolta e ci chiede di essere all’altezza della situazione”.

Umberto Adinolfi
Umberto Adinolfi
Classe 1972, giornalista professionista. Redattore interno e collaboratore per diversi quotidiani a diffusione regionale e nazionale (Corriere del Mezzogiorno, NewPress), nonché per l’agenzia stampa Asca Campania, dal 2012 lavora come freelance per l’edizione salernitana del quotidiano “Il Mattino”, impegnato nella redazione Politica. Dal 2012 è direttore responsabile del periodico “Paperboy”, unica testata giornalistica in Italia interamente realizzata da praticanti giornalisti affetti da disabilità psichiche e motorie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *