Adriatico, il Consiglio di Stato dà via libera alle ricerche petrolifere

Potranno riprendere in Adriatico le ricerche di giacimenti di idrocarburi attraverso la tecnica dell’air gun, ovvero di un sistema che utilizza la pressione dell’aria per creare dei piccoli sommovimenti nel sottosuolo marino e consente di captare dei segnali per capire se ci sia presenza di gas o petrolio. Un sistema che da più parti viene ritenuto pericoloso, tanto da portare le Regioni Abruzzo e Puglia – insieme a diversi enti locali – a promuovere un ricorso alla magistratura amministrativa. Ed è proprio la decisione della quarta sezione del Consiglio di Stato – con cui è stato respinto il ricorso presentato contro il decreto di valutazione di impatto ambientale relativo a due permessi di ricerca di gas e petrolio rilasciati alla compagnia inglese Spectrum Geo – a riaprire la strada alle trivellazioni in Adriatico.

Dubbi e timori – Restano, tuttavia, le perplessità e le preoccupazioni dei ricorrenti. “Oggi – sostiene Stelio Mangiameli, uno dei legali che ha rappresentato la Regione Puglia – ci sono metodiche molto meno invasive. L’air gun, che ora è una delle metodiche che va per la maggiore, provoca sommovimenti che a loro volta determinano dei suoni grazie ai quali è possibile verificare la presenza di idrocarburi. Ma allo stesso tempo distrugge il plancton, spaventa delfini e pesci, crea nella zona una temporanea crisi ittica. Ora esistono metodiche che invece sono in grado di sfruttare rumori già esistenti, per esempio quelli prodotti da una linea ferroviaria, con un impatto molto inferiore sull’ambiente”.

Clemente Ultimo
Clemente Ultimo
Clemente Ultimo – vicedirettore Più Mezzogiorno – Giornalista professionista, classe ’76, si è occupato per diversi quotidiani (Corriere del Mezzogiorno ed Il Mattino tra gli altri) di politica, economia, sanità. Ha curato la comunicazione istituzionale per il Consorzio Aree di Sviluppo Industriale di Salerno. Scrive articoli di geopolitica e politica internazionale per una rivista tematica online.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *