Intesa Regione – Fincantieri per il rilancio dei cantieri di Catellammare

Una unità della Marina Militare in lavorazione nel cantiere di Castellammare

Intesa tra Regione Campania e Fincantieri per lavorare insieme alla crescita dei cantieri navali di Castellammare di Stabia. Intesa che si è concretizzata nella sottoscrizione di un protocollo finalizzato non solo a garantire il mantenimento degli attuali livelli occupazionali e  ad assicurare l’aumento del carico di lavoro presso il cantiere campano, ma soprattutto a fare del polo cantieristico di Castellammare un’eccellenza non solo sotto il profilo produttivo, ma anche sotto quello della formazione. In dettaglio il protocollo siglato martedì a Palazzo Santa Lucia prevede un impegno da parte di Fincantieri ad attribuire ai Cantieri di Castellammare, nell’immediato, le commesse di due ulteriori tronconi di navi da crociera; a mantenere la missione polifunzionale del sito, dedicato alla costruzione di supporti per unità navali militari e per la realizzazione di traghetti, oltre alla costruzione di intere parti di navi da crociera e militari; a verificare nuove commesse in fase di assegnazione da destinare interamente allo stabilimento di Castellammare. Ancora più importante, in prospettiva, l’impegno di Fincantieri ad investire in ricerca e sviluppo presso il polo produttivo campano ed a dare vita ad una vera e propria “accademia del mare”,  in collaborazione con le università e gli istituti professionali della Campania, in grado di offrire ai giovani un percorso

Amedeo Lepore

formativo che porti all’acquisizione delle competenze richieste dall’azienda. La Regione si è impegnata a sostenere ogni iniziativa volta al potenziamento del Cantiere di Castellammare, alla valorizzazione della ricerca e della formazione, alla creazione di condizioni infrastrutturali e logistiche per rendere più agevole lo svolgimento delle attività dello stabilimento. “Con questo Protocollo – ha detto l’assessore alle Attività Produttive Amedeo Lepore – si conferma l’impegno assunto con i lavoratori di Castellammare di Stabia allo scopo di fornire una concreta prospettiva di consolidamento dell’attività produttiva e dei carichi di lavoro dello stabilimento di Fincantieri, anche con la realizzazione di navi intere. In questo modo si può rafforzare la tutela e la valorizzazione dei livelli occupazionali e aprire una prospettiva di sviluppo per l’intera area territoriale. Questo strumento ci consente di seguire con grande attenzione l’attuazione degli impegni assunti dall’azienda e di collaborare alla realizzazione degli obiettivi di crescita produttiva. Lo faremo nell’interesse dei lavoratori e di quel territorio della regione”.

Clemente Ultimo
Clemente Ultimo
Clemente Ultimo – vicedirettore Più Mezzogiorno – Giornalista professionista, classe ’76, si è occupato per diversi quotidiani (Corriere del Mezzogiorno ed Il Mattino tra gli altri) di politica, economia, sanità. Ha curato la comunicazione istituzionale per il Consorzio Aree di Sviluppo Industriale di Salerno. Scrive articoli di geopolitica e politica internazionale per una rivista tematica online.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *